Autismo e traforo: famiglia – 10/10

Autismo e traforo: famiglia
Ultimi ma non meno importanti lavori in traforo, ecco alcuni membri della famiglia traforati da mio fratello. Autismo e traforo: famiglia.

Ultimi ma non meno importanti lavori in traforo, ecco alcuni membri della famiglia traforati da mio fratello. Autismo e traforo: famiglia.

Autismo e traforo: famiglia.

Dopo aver visto e ammirato le opere a tema religione (http://ideemalsane.it/?p=421), eccoci all’ultimo appuntamento con tema autismo e traforo.

Come già accennato, i protagonisti di questo articolo sono alcuni membri della famiglia, in particolar modo mia mamma, mia sorella e suo marito.

Autismo e traforo: famiglia
Mamma

Non sembra anche a voi che traspaia tutto l’amore di mio padre verso di lei, nonostante i problemi e i punti deboli di entrambi?

I due neo-genitori, mia sorella e mio cognato, hanno ricevuto un traforo fatto da Igino che li riprende in Canada, durante il loro viaggio di nozze.

Foto di Igino, papà e mio marito Michele

Purtroppo il tempo è stato tiranno, la malattia che ha portato via mio padre ancora di più, quindi non c’è stato modo di traforare né Igino né mio marito o mio nipote Leo.

Di loro (tranne di Leonardo) riporto una foto ciascuno.

Papà

Ricordo ancora quando lo vidi accompagnare mia sorella fuori casa, nel giorno del suo matrimonio.

Fu un momento unico che purtroppo non ho potuto vivere in prima persona, o meglio, non con papà che mi accompagnasse fisicamente all’altare.

Mio fratello, però, non solo è stato all’altezza della situazione, ma col suo vocione impostato nel dire “Ciao Mike” una volta arrivati all’altare, ha reso la celebrazione davvero ilare.

Il maestro all’opera

Questa foto estiva ritrae Igino mentre trafora.

Potete notare come la cura del lavoro sia dettagliata.

Prima di tutto lui si toglieva orologio e braccialetto per poter lavorare liberamente.

Come accennato in alcuni articoli, tutte le opere create da Igino sono fatte interamente a mano: dal disegno sul legno compensato (mio padre) al traforare.

Vediamo insieme quali sono gli strumenti di lavoro.

Tempo richiesto: 1 minuto.

Strumenti principali del traforo

  1. Legno compensato

    È la base su cui si appoggia un foglio di carta carbone e sopra ancora un foglio bianco con l’immagine da passare a matita da questo foglio superiore al legno compensato.

  2. Mascherina

    Per non inalare particelle di legno.

  3. Occhialini

    Per evitare che qualche pezzetto di legno possa finire in un occhio.

  4. Martello e vitina

    Per perforare le parti da traforare.

  5. Perforatore manuale

    È uno strumento da usare verticalmente per perforare parti minuscole, che si romperebbero col seghetto.

  6. Set seghetto

    Svita, inserisci il seghetto, avvita e muovi l’archetto su e giù.
    Con questo movimento continuo si può traforare, anche se non mancano momenti in cui si inceppa il seghetto contro il pezzo di legno, quindi bisogna fare molta attenzione e scegliere del legno non troppo doppio.

Io e mio marito

Ho scelto questa foto di circa otto anni fa per due motivi: il primo è che il lui della foto è quasi esattamente com’è ora, occhiali esclusi ché li ha cambiati. Ed esclusi alcuni capelli bianchi.

Il secondo motivo è l’allegria che è presente nel nostro rapporto.

Ah, c’è pure un terzo motivo: il fatto che nella foto abbia i capelli corti e attualmente non sarebbe male un bel taglio, dato che mi sono cresciuti tantissimo!

Ultime due foto!

Dimenticavo!

Nel ritrovare una foto di mio fratello mi sono imbattuta in due foto del banchetto allestito allo Stadio Collana (Vomero) diversi anni fa, grazie al Centro Buonincontro che all’epoca faceva parte di eventi a tema “senza barriere” insieme ad altri centri riabilitativi.

Non feci in tempo a fotografare Woody, di Toy Story, ché Igino lo regalò a un ragazzo.

Per saperne di più…

Dedico quest’ultimo pezzo di articolo a chi, nel leggere gli articoli sul traforo, si sarà posta una o più domande del tipo:

  • Sono ancora disponibili le opere in traforo viste nei vari articoli?
  • Sono opere già vendute?
  • Come posso acquistare queste opere?

Ebbene, se desiderate ricevere risposte a queste e ad altre domande, non vi resta che contattarmi alla mail robertafi.visone@gmail.com.

Se questo articolo vi è piaciuto e/o se conoscete persone cui possa interessare, condividetelo sui vostri social network!

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *