English grammar pills – Parte 3 di 5

In questo articolo vi verrà somministrata la terza dose quasi indolore di English grammar pills.

English grammar pills – 3/5

English grammar pills

In questo articolo vi verrà somministrata la terza dose quasi indolore di English grammar pills.

Spero che il vostro approdo a questo articolo sia stato sicuro, che vi stiate liberando pian piano di alcuni pregiudizi nei confronti dell’inglese e che riusciate a esprimervi non solo con i gesti/emoticon, bensì anche formulando delle frasi di senso compiuto in lingua inglese.

Parto dal presupposto che i ruoli sintattici e la differenza fra verbi lessicali e ausiliari li tratterò a seguito di queste English grammar pills, perché richiedono un discorso a parte più approfondito.

Per il resto, quanta carica avete per la terza parte delle pillole di grammatica inglese?

La dose stavolta sarà un po’ pesante, ma farò il possibile per indorare la pillola e renderla quanto più indolore possibile.

Gli argomenti sono i seguenti:

  • Simple Past (passato semplice, noto pure come preterito, che si traduce col passato remoto, col passato prossimo e con l’imperfetto);
  • Past Continuous (passato progressivo);
  • Present Perfect Simple (un altro tempo passato che si traduce col nostro passato prossimo);
  • Present Perfect Continuous (un tempo molto simile al Present Perfect Simple, ma con una leggera differenza di significato).

Userò anche similitudini e metafore che mi possono venire solo fra sonno e veglia, con qualche riferimento letterario e cinematografico, come feci la scorsa volta con Gandalf e Re Theoden.

Cosa imparerete a dire, ascoltare, leggere, usare

Alla fine di questo articolo avrete imparato a parlare di hobby e interessi, poi saprete usare il tempo passato in inglese senza perdere tempo e scervellarvi appresso alla tabella dei paradigmi alla fine di un libro di grammatica classico.
Conoscerete anche la distinzione fra il Simple Past e il Past Continuous da una parte, e fra il Present Perfect Simple e il
Present Perfect Continuous dall’altra.

Ready? Set, go!

Tempo richiesto: 10 minuti.

Vediamo da vicino gli argomenti di questa sezione di English grammar pills.

  1. About hobbies and interests

    Se è vero che c’è una civil war fra Simple Present e Present Continuous (abitudini vs. azione del momento; una sola voce verbale vs. ausiliare to be + verbo in -ing), quando si parla di hobby e interessi i due tempi verbali si concedono una tregua.
    Prendete per esempio la frase I love reading books.
    Ci stanno sia il Simple Present (love) sia la forma -ing del verbo lessicale (reading).
    Come compromesso a questa tregua, i due acerrimi nemici sacrificano il verbo to be, che risulta superfluo, dato che una passione è qualcosa che si coltiva abitualmente.

  2. Simple Past

    Prendete le tabelle dei paradigmi che vi hanno costretto a imparare a mo' di Arancia Meccanica.
    Prese?
    Bene, ora date loro fuoco!
    Scherzo, eh!
    Anch'io ho appreso il famigerato Simple Past studiando le tabelle a memoria, ma per fortuna su Internet si trovano tante fonti.
    Una di queste si trova nel mio file che riceverete solo se arriverete alla fine della quinta parte delle English grammar pills.
    Intanto vi condivido l’immagine presa dal Web che mi ha aperto la mente verso questo scoglio della lingua inglese.
    È grazie a essa che riesco a ricordarmi ancora meglio i paradigmi dei verbi irregolari, perché la lingua inglese ha una sua logica nel raggruppare i verbi irregolari.
    Che sia per associazione di suoni (es. see e be) o per coppie minime (es. tell e sell), tutto fa brodo. Purché si apprenda il Simple Past nel modo più efficace possibile.
    Parliamo anche del fatto che, rispetto all’italiano, il Simple Past in inglese È UGUALE PER TUTTE LE PERSONE!
    Se poi a questa semplicità dell’inglese preferite il masochismo di coniugare il passato remoto del verbo cuocere, beh, la scelta è vostra.
    Alla fine dell’articolo potete trovare anche i gruppi in modo più dettagliato, con gli esempi.
    English grammar pills

  3. Past Continuous

    Se è vero che Simple Present e Present Continuous sono acerrimi nemici, è altrettanto vero che il Simple Past e il Past Continuous sono l’uno il guastafeste dell’altro.
    Immaginate di star mangiando una succulenta fetta di pizza, piena di mozzarella e salsa di pomodoro, quando all’improvviso vi cade di mano.
    I was eating a slice of pizza, when it fell on the ground.
    A parte le urla di chi fa le pulizie a casa, ma che sbadataggine. Soprattutto, che peccato perdersi una bella fonte di nutrimento!
    Ecco: il Simple Past “interrompe” una scena che si stava svolgendo nel passato col Past Continuous.
    In più i due tempi verbali rivali si portano dei padrini, when e while. When si schiera col Simple Past, while col Past Continuous.
    Chi vince il duello, secondo voi?
    Chi dura di più o chi irrompe nella vita altrui senza bussare?

  4. Present Perfect Simple

    Non contento di aver dissanguato il Past Continuous, il Simple Past sceglie un nemico ancora più acerrimo col quale cerca di saziare la propria sete di sangue.
    Sto parlando del Present Perfect Simple.
    Il Simple Past sarà pure puntuale (forse usa Ago/Needle, la spada di Arya Stark di Game of Thrones), ma questo tempo verbale gli dà parecchio filo da torcere.
    Prima di tutto bisogna capire se l’azione della frase è finita, anche un secondo fa (Simple Past), o se ha delle conseguenze nel presente (Present Perfect Simple).
    Poi bisogna fare attenzione agli avverbi di tempo.
    Ve ne dico giusto un paio:
    yesterday e (one second/two hours/three weeks/four months/five years) ago accompagnano il Simple Past;
    already, just e yet vanno col Present Perfect Simple.

  5. Present Perfect Continuous

    Per me è un tempo verbale un po’ di troppo, ma ci troviamo a ballare, balliamo!
    La differenza col Present Perfect Simple è leggera nel significato, mentre la struttura è diversa.
    Infatti compare di nuovo la forma -ing del verbo lessicale, ma a differenza del Present Simple Continuous (es. I am reading), il gerundio è preceduto da have/has been (es. I have been reading).

Simple Past: immagini

Per ora è tutto con questa terza parte.

Spero di avervi reso più chiari degli argomenti ostici, ma se così non fosse, non disperatevi: è normale, anche perché vi manca il supporto del file sfogliabile PowerPoint in cui ci sono più schemi esaustivi e che è disponibile alla fine della quinta lezione di English grammar pills.

Comunque, se avete domande, dubbi o curiosità, potete scrivermi alla mail robertafi.visone@gmail.com.

Nel frattempo vi invito a fare dei quiz di Kahoot e LearningApps, due software che uso spesso, soprattutto per far fissare meglio dei concetti nella mente delle mie classi.

Ecco il link: https://what-a-mess-with-the-english-grammar.webnode.it/quizzes/.

See you soon!

Se questo articolo vi è piaciuto e/o se conoscete persone cui possa interessare, condividetelo sui vostri social network!

Articoli consigliati

1 commento

  1. […] Tuttavia, voglio ricordare a chi ancora non ha avuto somministrata la dose n. 3, che può trovarla qui (http://ideemalsane.it/?p=137). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *