ricette malsane moussaka
Eccoci con la quarta delle ricette malsane: la moussaka.

Eccoci con la quarta delle ricette malsane: la moussaka.

Ricette malsane: moussaka

In passato ho visitato molto spesso la Grecia: sono stata a Katakolon, Olimpia, Atene, Corfù, Rodi e in altri luoghi della “culla della civiltà occidentale”.

Sul mio canale YouTube potete trovare i video dei luoghi scoperti grazie all’esperienza Costa Crociere. Sono video fatti con Picasa appena dopo la laurea triennale; se qualche anima pia mi spiega come mai alcuni di essi risultano più velocizzati e mi aiuta a ripristinare la velocità impostata su Picasa, mi fa un grande piacere.

Inoltre ho un caro amico greco, Makis, che ho conosciuto in Germania durante l’esperienza di un mese a Jena, che una volta è venuto a trovarmi a Napoli con un suo amico e che spero di poter rivedere un giorno insieme a Nika, amica armena che pure è venuta da me e che ho ospitato per qualche giorno, e insieme a Florida, una ragazza albanese con cui sono rimasta in buoni rapporti.

La ricetta che vi propongo oggi è un piatto tipico greco: la moussaka.

L’ultima volta in cui l’ho preparato è stato per il terzo anniversario di matrimonio, il 7 luglio di quest’anno. Faceva un caldo boia e questo piatto è più invernale che estivo (oltre a essere una bomba di calorie!), ma questo è il regalo che mi sono sentita di fare.

Ricette malsane: moussaka – difficoltà, durata, costo

Difficoltà: media

Durata: 3h 30′ (2h preparazione + 90′ cottura)

Costo: medio

Ingredienti per 2 persone:

  • 3 melanzane;
  • sale grosso q.b. (per le melanzane in salamoia);
  • 500 gr. carne macinata (agnello + suino);
  • 250 gr. patate;
  • 250 gr. pomodori;
  • 75 gr. pecorino da grattugiare;
  • 50 gr. Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare;
  • 1 cipolla media;
  • 2 cucchiai olio evo;
  • 1 bicchiere vino rosso;
  • olio per friggere q.b.;
  • pepe nero q.b.;
  • sale fino q.b..

Per la besciamella:

Per quanto riguarda la besciamella senza glutine, consiglio di farla in casa e di congelarne una parte, cosicché sia pronta all’uso in un secondo momento.

Le dosi per la besciamella che quindi scriverò sono comprese di parte da congelare.

  • 500 ml latte intero;
  • 50 gr. farina;
  • 50 gr. burro;
  • noce moscata q.b.;
  • sale fino q.b..

Strumenti:

  • Colapasta per mettere le melanzane in salamoia;
  • pentola per bollire la carne macinata;
  • strofinaccio per far asciugare le patate;
  • strofinaccio per asciugare le melanzane messe in salamoia;
  • schiumarola;
  • padella antiaderente per friggere le melanzane;
  • ciotola e carta assorbente per le melanzane fritte;
  • padella antiaderente per friggere le patate;
  • ciotola e carta assorbente per le patate fritte;
  • pentolina per la besciamella;
  • grattugia per i due formaggi (pecorino e Reggiano);
  • cucchiaio;
  • pirofila di 30 cm;
  • paletta da cucina forata.

Procedimento:

Prima le melanzane:

  1. Lavare le melanzane;
  2. toglierne il peduncolo e il calice (la parte verde) e il “culetto” della melanzana;
  3. tagliare le melanzane a fette dallo spessore di ca. 4-5 mm;
  4. inserire le melanzane in uno scolapasta e cospargerle di sale grosso;
  5. mettere un piatto e un peso sullo scolapasta;
  6. attendere un paio d’ore finché le melanzane non avranno cacciato del liquido scuro e amarognolo.

Nel frattempo (I)… il ragù:

  1. In una pentola mettere i cucchiai di olio evo e le cipolle tritate per farle dorare;
  2. aggiungere la carne macinata e far soffriggere a fuoco vivace;
  3. sfumare col vino rosso e aggiungere sale e pepe;
  4. lasciar cuocere a fuoco dolce, per poi aggiungere i pomodori tagliati a cubetti;
  5. coprire la pentola e lasciare cuocere a fuoco basso per ca. 1h. finché il contenuto non si sarà asciugato e insaporito.

Nel frattempo (II)… le patate e le melanzane da friggere:

  1. Sbucciare le patate, tagliare a fettine sottili di ca. 4-5 mm (come fatto in precedenza con le melanzane) e lessare 5 minuti in acqua salata;
  2. scolare le patate e adagiarle su uno strofinaccio per far togliere il liquido in eccesso;
  3. sciacquare sotto acqua corrente le melanzane messe in salamoia e asciugarle con uno strofinaccio per togliere eventuali tracce superstiti di sale;
  4. MELANZANE: friggere le melanzane e adagiarle con la schiumarola su della carta assorbente;
  5. PATATE: idem punto 4.

Nel frattempo (III)… la besciamella e i due formaggi da grattugiare:

  1. A prescindere dalla farina usata (con o senza glutine), seguire le istruzioni di questo video;
  2. grattugiare il pecorino e il Parmigiano Reggiano DOP.

E ora… uniamo il tutto!

  1. Prendere la pirofila da 30 cm e inserire le patate come base per la moussaka;
  2. creare il primo strato di melanzane;
  3. aggiungere del ragù;
  4. aggiungere un po’ di pecorino e Reggiano grattugiati;
  5. aiutarsi con un cucchiaio per aggiungere un sottile strato di besciamella;*
  6. ripetere i passi 2, 3, 4 e 5 fino a raggiungere lo strato superiore della pirofila (cfr. lasagne alla siciliana);
  7. coprire il tutto con la besciamella rimasta;
  8. preriscaldare il forno a 180°;
  9. infornare per 40-45′;
  10. estrarre la teglia una volta che la besciamella sarà diventata dorata;
  11. lasciare intiepidire e compattare la moussaka;
  12. servire a tavola con l’aiuto della paletta da cucina forata.

*Consiglio questo passaggio perché così si crea un equilibrio di sapori tra dolce (besciamella+patate) e salato (ragù+melanzane+formaggi grattugiati) che si distribuisce su tutto il boccone della pietanza.

Se, invece, mettete tutta la besciamella sullo strato superiore, la moussaka può risultare troppo dolce sopra e sotto, ma troppo salata dentro.

Ringrazio mio marito Mike per questa piccola perla.


Ho messo due foto per questa ricetta: la prima foto risale all’anniversario di cui sopra e la besciamella è preparata con farina senza glutine; la seconda foto risale a un altro evento in cui io e Mike abbiamo preparato insieme la moussaka, sia con sia senza glutine.

In entrambi i casi abbiamo mangiato per ben due giorni, se non tre!

Buon appetito!

Se la ricetta vi è piaciuta, condividetela sui social!

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *