Ricette malsane: gâteau di patate

ricette malsane gâteau di patate
Eccoci con la terza delle ricette malsane: il gâteau di patate.

Eccoci con la terza delle ricette malsane: il gâteau di patate.

Ma prima ditemi: com’è andata con le prime due ricette malsane?

Spero bene.

Ricette malsane: gâteau di patate

È il mio piatto preferito in assoluto, nonché il nomignolo che do alla mia migliore amica, Doppelgänger e kindred spirit, Barbara.

Per me è sempre un piacere prepararlo, perché è un piatto caldo, morbido, accogliente… proprio come lei, di cui vi consiglio la pagina Instagram TranslArt.

Manco a farlo apposta, il 7 dicembre è il suo compleanno, quindi questo articolo è anche un regalo virtuale per lei. 🙂

Adesso veniamo al sodo.

Alcune premesse:

Prima di tutto si può mettere di tutto dentro il gâteau, ma gli ingredienti che proporrò sono quelli classici (tra cui prosciutto cotto, salumi, formaggio, …)!

Secondo, proporrò due versioni di ingredienti: leggera e “piombo”. A tal proposito io preparo sempre la versione leggera, così il gâteau non si “inchiomma” sullo stomaco. 😀

Terzo, le dosi sono pensate per mangiare la pietanza in due volte.

Quarto, consiglio di preparare il gâteau di patate diverse ore prima di gustarlo, onde evitare di ritrovarsi con della lava vulcanica in bocca!

Ultimo ma non meno importante, l’unico ingrediente che differenzia il gâteau con glutine da quello senza glutine è il pangrattato.

Ricette malsane: gâteau di patate – difficoltà, durata, costo

Difficoltà: facile

Durata: 2h (1h preparazione + 1h cottura)

Costo: basso

Ingredienti per 2 persone (versione leggera):

  • 7 patate gialle;
  • 250 gr. mozzarella/fiordilatte;
  • 100 gr. Emmenthal;
  • 1 confezione di cubetti di prosciutto cotto;
  • burro q.b.;
  • olio evo q.b.;
  • formaggio grattugiato q.b.;
  • sale q.b.;
  • pepe q.b.;
  • pangrattato (la panatura classica o al massimo quella crispy sono l’ideale).

Ingredienti per 2 persone (versione “piombo”):

  • 7 patate gialle;
  • 250 gr. mozzarella/fiordilatte;
  • 100 gr. Emmenthal;
  • 1 confezione di cubetti di prosciutto cotto;
  • burro q.b.;
  • olio evo q.b.;
  • formaggio grattugiato q.b.;
  • sale q.b.;
  • pepe q.b.;
  • pangrattato (la panatura classica o al massimo quella crispy sono l’ideale);
  • 1 confezione di salumi misti;
  • 2 uova.

Strumenti:

  • Pelapatate/coltellino;
  • pentola;
  • schiacciapatate;
  • 2 ciotole;
  • forchetta;
  • paletta da cucina forata;
  • pirofila (preferibilmente rotonda) di 20 cm.

Procedimento:

  1. Prendere le patate, sciacquarle e toglierne la buccia con un pelapatate o un coltellino;
  2. riempire la pentola d’acqua e, al momento dell’ebollizione, inserire le patate;
  3. aspettare finché l’acqua non bolle di nuovo;
  4. controllare di tanto in tanto che la forchetta arrivi al centro della patata per accertarsi della buona cottura;
  5. schiacciare le patate con lo schiacciapatate e inserire il contenuto in una ciotola;
  6. lasciar raffreddare un po’ le patate schiacciate (per poi mischiare con le uova nella versione “piombo”);
  7. in un’altra ciotola inserire i cubetti di prosciutto cotto, la mozzarella/fiordilatte, l’Emmenthal, il sale, il pepe e il formaggio grattugiato (più i salumi misti per la versione “piombo”);
  8. mischiare gli ingredienti del punto 7 con una forchetta o anche con le mani;
  9. aggiungere al composto le patate schiacciate (mischiate con le uova nella versione “piombo”) e ripetere l’operazione n. 8;
  10. strisciare il burro sul fondo e sui lati interni della pirofila, per far sì che il pangrattato si distribuisca per bene;
  11. inserire il pangrattato sul fondo e sui lati interni della pirofila;
  12. inserire tutto il composto nella pirofila aiutandosi con la forchetta per livellarlo;
  13. bagnarsi le mani con un po’ d’olio per evitare di mettere pangrattato in eccesso in cima al composto;
  14. inserire altro pangrattato in cima al composto;
  15. preriscaldare il forno a 200°;
  16. inserire la pirofila nel forno e lasciar cuocere per un’ora;
  17. controllare la cottura con uno stuzzichino;
  18. lasciar raffreddare un po’;
  19. servire a tavola con l’aiuto di una paletta da cucina forata.

A proposito del passaggio n. 1 sottolineato (pelare le patate)…

Le prime volte in cui preparavo questo piatto mettevo le patate nella pentola con tutta la buccia, ma mi ustionavo le mani quando dovevo sbucciarle calde e preparare tale pietanza mi risultava piuttosto “fastidioso”.

Per questo una volta ho pensato: “Perché non sbucciarle prima, le patate?” e da quel momento in poi ho sempre agito così.

Il risultato è sempre lo stesso, anzi, a me piace pure di più il gâteau con le patate sbucciate prima della cottura.

A voi la scelta!

ricette malsane gâteau di patate
Ricette malsane: gâteau di patate

Buon appetito!

Se la ricetta vi è piaciuta, condividetela sui social!

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *