English grammar pills – Parte 1 di 5

In questo articolo potrete trovare un'introduzione alle pillole di grammatica inglese. Le English grammar pills verranno distribuite in cinque post per evitare un'overdose di lingua inglese.
Venite a nutrire la vostra mente con la prima dose!

In questo articolo potrete trovare un’introduzione alle pillole di grammatica inglese.
Le English grammar pills verranno distribuite in cinque post per evitare un’overdose di lingua inglese.
Venite a nutrire la vostra mente con la prima dose!

Cosa imparerete a dire, ascoltare, leggere, usare

Alla fine di questo articolo avrete compreso che la lingua in generale è un qualcosa di strutturato e che applicando un po’ di logica potrete accedere alla sua bellezza, fatta anche di ponti d’asino, ossia collegamenti mentali che vi risparmiano tempo e fatica.

Avrete anche imparato che esiste un sistema di riferimento per la pronuncia delle parole in inglese che a mio avviso dovrebbe essere mostrato e usato di più a scuola, già a partire dalla scuola secondaria di I grado aka (also known as, trad. nota anche come) scuola media.
Inoltre capirete che esistono diverse parti del discorso, cioè la frase è composta da parole che hanno funzioni diverse (etichettare, esprimere un’azione, attribuire una qualità a qualcosa o qualcuno, dire quante cose esistono, ecc.).

Saprete anche quale articolo (determinativo o indeterminativo?) usare e quando usarlo o non usarlo.

Infine, scoprirete quanto è facile formare il plurale dei sostantivi in inglese.

English grammar pills – 1/5

English grammar pills

Dopo l’articolo introduttivo sulla croce e delizia qual è la lingua inglese (http://ideemalsane.it/?p=62) e dopo l’articolo sui principali tempi verbali, eccovi il primo dei cinque post dedicati alle pillole di grammatica inglese.

Voglio che vi nutriate di essa, ma senza esagerare!

Prima di somministrarvi la dose, però, leggete com’è nato questo “medicinale per la mente”.

Genesi del file

Era il mese di luglio 2015, quando mi arrivò una proposta di corso di recupero presso il Ferraris a Scampia.

Ero in procinto di fare la discussione finale del famigerato TFA, ma accettai di buon grado questo secondo approccio alla scuola. “Secondo” perché già mi ero approcciata alla scuola durante il tirocinio diretto, presso il mio liceo Margherita di Savoia e presso una scuola media a Volla.

Modernità e accoglienza al Ferraris

A vedere il Ferraris dall’ingresso non gli dareste due centesimi, ma quando ci sono entrata ho percepito modernità e accoglienza.

Modernità negli strumenti digitali messi a disposizione, accoglienza da parte dei collaboratori scolastici prima e degli alunni poi.

Creazione e sviluppo del PowerPoint: da English Course a English Grammar Pills

Per questo pensai di creare un PowerPoint che riassumesse le principali regole grammaticali. Così nacque un compendio con schemi e alcune immagini prese dal web, soprattutto quella sui gruppi verbali del famigerato Simple Past.

Nel corso degli anni questo PowerPoint è cresciuto sempre più, fino a diventare ciò che sto per condividervi: English grammar pills.

Struttura del file

Il file completo è composto da 55 slide (incluse quella iniziale e quella finale), ma non temete: ci sono più schemi creati da me e immagini prese dal Web che testo puramente teorico.

Se seguirete con costanza Idee malsane, riceverete il formato sfogliabile della dispensa alla fine del quinto articolo dedicato alle English grammar pills.

Prime cinque pillole di grammatica inglese

Tempo richiesto: 40 minuti.

Ora vi elencherò i primi cinque argomenti.
Nei minuti indicati in “tempo richiesto” ho incluso i tre video che potete trovare sotto l’elenco più un altro video YouTube, di cui ho inserito il link all’interno dell’elenco.

  1. Language is a system

    È assolutamente vero che la lingua si muove fra norma e uso e ciò le permette di non morire. La lingua, inoltre, non è qualcosa di evanescente, senza capo né coda: è un sistema ben strutturato. Prima entrate in quest’ottica, più semplice sarà apprenderlo.
    In una sola slide ho inserito i campi della linguistica (slide 2) prendendo un’immagine dal Web.

  2. Phonetics and phonology

    Avete presente il dibattito attuale sulla lettera ə (schwa)?
    Ebbene, vi svelerò un segreto: non solo la schwa è presente nella pronuncia dell’inglese (es. teacher –> /ˈtiːtʃə(r)/), bensì anche nel tedesco e, udite udite, nel napoletano!
    Avete presente la scena di Benvenuti al sud, in cui Siani spiega l’apocope, cioè la caduta della vocale finale di una parola? Ecco la scena.
    https://www.youtube.com/watch?v=OuXzIQkv70o

    Poiché la fonetica e la fonologia non possono esistere senza emissione di segnali acustici, vi inserisco tre video di MMMEnglish, che trovo molto esaustivi. Li potete trovare alla fine di questo elenco.
    Intanto vi condivido anche l’immagine in cui sono illustrati i suoni delle singole lettere.

  3. Parts of speech

    Per articolare un discorso, prima bisogna sapere che ci sono delle parti, variabili e invariabili.
    Ogni parte ha una sua funzione: i nomi sono usati come etichette per cose, luoghi, professioni, animali. Insomma, il nome (o sostantivo) è l'hashtag per eccellenza!
    Scoprirete anche le due comare: gli aggettivi e gli avverbi. Perché? Perché gli uni accompagnano i sostantivi, gli altri i verbi.

    Il resto potrete scoprirlo nella slide n. 4; per quasi tutte le parti del discorso ho inserito il collegamento ipertestuale alle slide di riferimento.

  4. Articles

    Quando usare a? Quando an? E che dire di quel the neutrale (nonché uno dei segni dell’economia linguistica dell’inglese)? Devo usare some o any con milk? E con potatoes?
    Venite a scoprirlo nelle slide 5-8.

  5. Plural nouns (slide 9)

    A proposito dei plurali, sapete che la lingua inglese non si fa gli stessi grattacapi di chi è madrelingua italianə?
    E ricordate la famosa desinenza -s?
    Ebbene, sempre per una questione di economia linguistica (fenomeno che a me piace raccontare associando l’inglese a Ebenezer Scrooge prima della conversione), questa desinenza è usata per queste due parti del discorso:
    - NOUNS: per formare il plurale dei sostantivi;
    - VERBS: per formare la CELEBERRIMA terza persona singolare del Simple Present.

Non mi resta che lasciarvi coi tre video sulla pronuncia di consonanti, vocali e dittonghi inglesi.

IPA (International Phonetic Alphabet).
Vowel sounds 1.
Diphthongs.

Come ringraziarvi per la pazienza avuta nel giungere fin qui? Anticipandovi le prossime cinque dosi di grammatica inglese:

  • Aggettivi;
  • Pronomi;
  • Verbi: il paradigma;
  • Simple Present (presente semplice);
  • Present Continuous (presente progressivo).

Se questo articolo vi è piaciuto e/o se conoscete persone cui possa interessare, condividetelo sui vostri social network!

See you soon!

P.S.: contattatemi alla mail robertafi.visone@gmail.com per ricevere un altro piccolo omaggio riguardo alla fonetica.

Articoli consigliati

5 commenti

  1. […] già anticipato nello scorso articolo (http://ideemalsane.it/?p=103), la dose che vi somministrerò oggi è composta dai seguenti […]

  2. […] vi hanno insegnato i/le docenti di storia e ciò che vi ho scritto io nelle English grammar pills (http://ideemalsane.it/?p=103), avete potuto intuire che il popolo e la lingua inglese hanno la cosiddetta “guerra in […]

  3. […] aver affrontato la fonetica e fonologia (http://ideemalsane.it/?p=103), la morfologia (http://ideemalsane.it/?p=164) e la sintassi (nelle altre English grammar pills), […]

  4. […] A proposito di some e any, vi ricordo che potete saperne di più con una delle cinque dosi di English grammar pills: http://ideemalsane.it/?p=103. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *